close
close

Acqua San Benedetto, richiesta la censura per l’ultimo spot con Elisabetta Canalis: “Messaggio Pericoloso”

Quanto può influenzarci per sentirci meglio e in forma l’immagine di una bellezza come Elisabetta Canalis che salta la colazione? Per questo, secondo il mondo dei nutrizionisti, questo spot andrebbe censurato subito.

Acqua San Benedetto, richiesta la censura per l'ultimo spot con Elisabetta Canalis: "Notizie pericolose"
Canalis beve San Benedetto (Instagram)

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DI OGGI:

Icona di stile ed eleganza senza tempo, fisico sportivo, ben allenato e curve sempre perfette nonostante i 43 anni.

Elisabetta Canalis Nonostante abbia lasciato l’Italia qualche anno fa per trasferirsi in America con marito e figlia, continua a portare nel cuore il Bel Paese e ci torna appena può per lavorare con marchi di moda e food che vorrebbe avere tutti i costi come loro madrina.

Uno su tuttiAcqua San Benedetto che per anni ha portato avanti il ​​concetto che bere correttamente porta a una maggiore diuresi e a una disintossicazione completa.

Ha inoltre lanciato diversi prodotti incentrati sul concetto di tisane, decotti fruttati e frullati a 0 calorie per gli amanti della perfetta forma fisica e della forma fisica.

Sono diversi gli spot che San Benedetto ha girato con la showgirlIstruttore di yoga e discipline legate al combattimento e all’autodifesa.

Peccato, però, che gli ultimi due, postati online e ripetuti con grande frequenza sul piccolo schermo durante l’estate, abbiano attirato le ire di nutrizionisti e benefattori corretta alimentazione sana.

Uno da tutti i lati di Estetica sovietica che si occupa di analisi sociale, culturale e politica e che, più di altri, punta il dito contro il messaggio di fondo molto falso che è stato promosso.

Elisabetta Canalis e lo spot dell’Acqua San Benedetto sotto accusa

Bevila bene, l’acqua San Benedetto può sostituire la colazione (o qualsiasi altro pasto) grazie alla sua alta concentrazione di magnesio, potassio e oligoelementi!

PER NON PERDERE NESSUN AGGIORNAMENTO, SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Questo, in estrema sintesi, il messaggio veicolato al pubblico di casa dagli ultimi due spot dell’azienda con protagonista Elisabetta. Peccato, però, che il concetto di base sia completamente sbagliato e influisca sulle decisioni di crescita e sviluppo, soprattutto dei soggetti più sensibili.

pensa a giovani adolescenti in pieno sviluppo sono fatti per seguire modelli come l’amata ex Velina, che svela come la La sua routine si concentra sul saltare i pasti. Un aspetto che poi l’ha portata ad approdare sulla copertina di Vanity Fair (parafrasando e raccogliendo il succo di quanto mostrato nel breve frame).

Quanto può influenzarci per sentirci meglio e in forma l’immagine di una bellezza come Elisabetta Canalis che salta la colazione?

Ciò che sta alla base dei due video pubblicati in rete è l’idea di associare al concetto di bellezza un’immagine perfetta (ma pur sempre l’eccezione), che ha raggiunto un tale picco solo dopo una dieta senza cibi solidi.

Se nell’ultimo spot è costretta a saltare la colazione per il pane che brucia e la fretta di lavorare, invece, nel precedente il concetto è reso ancora più chiaro dal messaggio espresso da Elly:

“Quanto è importante per te la colazione?”. La risposta gioca con le parole: “Da 1 a 10? Zero… Zero succoso!”.

Ma far crescere i ragazzi vale anche per donne e uomini, che sono sempre stati condizionati a prendere qualche chilo in più nozione dannosa di privazione è estremamente vergognoso. Pur sapendo che il grasso Canalis è una buona forchetta e mangia 5 volte al giorno.

Quello che cambia è che è sempre stata molto attiva e ha un metabolismo veloce che non tutti hanno avuto da madre natura.

Anche diversi nutrizionisti si sono espressi contro di essa messaggio subliminale che ti invita a saltare la colazione. In effetti, sembra convalidare e convalidare un comportamento molto comune tra i malati disturbi nutrizionali.

La domanda arriverà nei prossimi giorni verificata dall’Istituto per l’Autodisciplina della Pubblicità (Agicom), che ha ricevuto più segnalazioni e sembra pronta a indagare sul caso.

Leave a Comment