close
close

Alberto Angela, dopo la morte del padre, compare l’incredibile “eredità”.

La morte di Piero Angela ha scosso tutti gli italiani che hanno sempre amato l’eccellente divulgatore scientifico che per settant’anni è stato il volto della rete Rai. Per suo figlio l’addio è stato molto doloroso a causa di una pesante eredità lasciata dal padre.

Il 13 agosto 2022, nella sua casa di Roma, è morto Piero Angela, giornalista e volti Rai.

Alberto Angela

Inutile dire che questa perdita ha scosso milioni di italiani che amano sinceramente i programmi del più importante e famoso divulgatore scientifico del nostro Paese. Per molto tempo ha portato sul piccolo schermo cultura, arte e scienza, fungendo spesso da vero informatore per molte persone.

Suo figlio Alberto Angela Ha seguito le sue orme imparando il mestiere di giornalista e divulgatore da suo padre e conducendo vari programmi con lui. Dopo la morte del padre, Alberto ha dato alla morte un nuovo significato grazie alle ultime parole dell’amato padre. Piero potrebbe, anche negli ultimi istanti di vita, snellire il finale grazie alla sua incredibile capacità di analizzare il tutto e sfruttare i dettami della scienza.

Al funerale, cui hanno partecipato numerose persone provenienti da diverse parti d’Italia, Alberto Angela ha condiviso un commovente aforisma di Leonardo Da Vinci che suo padre ripeteva spesso e che è praticamente impossibile non ripetere: “Proprio come un giorno ben speso porta a un sonno felice, così una vita ben spesa porta a una morte felice“.

Una lezione che Alberto e sua sorella si sono radunati con amore e gioia e questo ha fatto sentire loro la presenza del grande Da Vinci rimase a lungo nella casa di famiglia.

La veglia per il grande Piero ha colpito tutti gli spettatori, così come il dolce ricordo del figlio Alberto. Il giornalista ha detto emozionato: “Le persone che amiamo non dovrebbero mai lasciarci. Ma succede“. Parole semplici e dure che riassumono tutto il dolore di un bambino consapevole che deve accettare la difficile eredità del padre, ovvero la diffusione della cultura e della scienza tra tutti gli italiani.

Il fidanzamento di Piero Angela

Piero Angela ha dedicato tutta la sua vita alla divulgazione con dedizione e devozione. Il suo programma “super cagliata” ha affascinato molti telespettatori nei suoi quarant’anni di trasmissione. Nel primo episodio, il giornalista ha spiegato l’obiettivo di Superquark al suo pubblico dicendo: “Cercherà di esplorare il mondo della scienza e della ricerca in modo chiaro e comprensibile“.

Questo episodio ha avuto 9 milioni di spettatori e ancora oggi super cagliata continua ad alimentare la curiosità delle persone e accompagna le serate degli italiani.

Al Alberto, ora arriva il momento più difficile e deve affrontare una serie di impegni per prendere le redini dell’eredità del suo meraviglioso padre. Un uomo che ha messo in prospettiva anche la sua fine, come dimostra l’ultimo comunicato stampa a noi dedicato pubblicamente.

A questo proposito Alberto ha detto al funerale: Quella fu l’ultima cosa che disse. Mia sorella ed io abbiamo affrontato l’ultimo discorso con poca forza. È un discorso, c’è tanto affetto e tanto amore per tutti. Per il pubblico, per chi lo amava”.

In breve, la morte di Piero Angela è stato un duro colpo per tutti noi. Nessuno dimenticherà mai il suo entusiasmo, la sua sete di conoscenza e la voglia di trasmetterla a quante più persone possibile. La sua perdita ha colpito profondamente i suoi figli, ma d’altra parte, ciò che ci dà coraggio è la consapevolezza che Il giornalista ha affrontato tutto con estrema analisi e forte ragionamento.

L’uomo della morte ne parlò con queste parole: “La morte mi affascina, mi attrae, mi fa domande, ma spero di trovare risposte il prima possibile. E a Piero Angela, dopo tutto il suo lavoro e amore per la conoscenza, i nostri più sentiti ringraziamenti.

Leave a Comment