close
close

Boom dei prezzi delle auto usate: ecco perché

Quella auto usate Hanno un significato intrinseco, c’è chi li sceglie per risparmiare e chi sceglie di fornire ai propri figli un mezzo economico. Entrambi motivi che rischiano di non avere più ragione d’essere perché i prezzi si toccano ea volte chiudono superare il 30% di più.

Le ragioni dell’aumento della domanda risiedono nella lenta produzione di veicoli nuovi, che risente anche della mancanza di semiconduttori, che ha un duplice effetto: aumenti di prezzo e tempi di attesa talvolta molto lunghi. Da qui la necessità di rivolgersi in massa al mercato dell’usato.

Prezzi più alti, meno scelta

I prezzi delle auto usate sono in aumento, e proprio a causa dell’aumento della domanda, diventa sempre più difficile trovare quella che si adatti alle esigenze del cliente. Il desiderio di trovare un affare che forse è stato poco utilizzato dal precedente proprietario diventa una chimera.

Il Sole 24 Ore, rassegna di prezzi e indici applicati da AutoScout24, riporta che nell’ultimo anno ha visto un aumento medio dei prezzi del 20% e, quando esteso agli ultimi tre anni, il costo delle auto usate è aumentato del 33%. Salite che non hanno scoraggiato di più dato che la domanda e i prezzi hanno continuato a crescere nei primi sette mesi del 2022.

Il valore medio di un’auto usata (dati luglio 2022) è di 21.600 euro, ovvero il 21,7% in più rispetto a luglio 2021 e il 33,6% in più rispetto allo stesso mese del 2019.

Una minore scelta non è solo prerogativa dei veicoli usati, poiché l’aumento della domanda sta interessando anche le auto nuove sul mercato. Nel 2017 lo stock medio dei concessionari era di 89 veicoli, nel 2021 è sceso a 50 veicoli. Meno modelli sono esposti negli showroom poiché l’immobilizzazione dei capitali diventa ancora più rischiosa date le difficoltà di produzione che contribuiscono a rilanciare i mercati dell’usato.

Lo scenario attuale

Nel 2021 ci sono voluti 59 giorni per vendere un’auto usata, praticamente due mesi. Nel periodo dal 2015 al 2020 ci sono voluti in media 73 giorni per vendere uno, quasi due mesi e mezzo. Nel triennio precedente (2014-2012) ci sono voluti 84 giorni, quasi tre mesi.

Un altro fatto interessante suggerisce che oggi, con una crescita del 10% nel mercato dell’usato, metà dei cambi di proprietà riguarda veicoli che hanno più di 10 anni. Nel 2010, un cliente su quattro ha optato per auto immatricolate almeno 10 anni prima.

2021 per 100 auto vendute 28 erano nuovi, 37 avevano meno di 10 anni e 35 avevano più di 10 anni. Auto nel 2010 erano nuovi 39quelli utilizzati e registrati meno di 10 anni fa erano 47 e quelli di età superiore a 10 anni erano 14.

Le esigenze attuali stanno modificando sensibilmente le abitudini di acquisto, che sembrano destinate a subire ulteriori shock nei prossimi anni vista la volontà di ripensare la produzione delle auto in base ai carburanti che utilizzano.

Leave a Comment