close
close

Calhanoglu nega a Theo Hernandez il benvenuto, schiaffo e veleno prima del derby: non ha dimenticato

Poco prima dell’inizio del derby, nel momento in cui i giocatori delle due squadre si salutavano, Theo Hernandez e Hakan Calhanoglu hanno vissuto un episodio molto particolare: vecchi veleni sono riemersi.

Storie avvincenti tra Inter e Milan prima, durante e dopo il derby una bella ed emozionante partita che si è conclusa con la vittoria dei rossoneri. Un clima molto teso, carico di tensione e non solo competitivo, che si è potuto osservare durante la partita in campo ma anche poco prima del calcio d’inizio. protagonisti? Theo Hernandez e Hakan Çalhanoğlu, ex compagni di squadra ai tempi del girone rossonero dai turchi e dalle avversarie di oggi.

In campo, anche per posizioni in campo e ruoli, non ci sono state reali occasioni di contatto tra i due giocatori con il francese che ha dato il suo classico appoggio, soprattutto nelle manovre offensive con verticalizzazioni e accelerazioni ad aprire la difesa nerazzurra e i turchi a cercare da destra passa ai suoi attaccanti (e sfiora la porta, gli ha negato un super maignan nel finale). Ma c’è stato un contatto – e poi un po’ – prima del calcio d’inizio. L’occasione è arrivata nel pre-partita, durante il classico scambio dei vari “cinque” schierati in formazioni tra i vari giocatori.

Un episodio che è sfuggito ai più ma non all’occhio attento degli smartphone sparsi un po’ ovunque, fungendo da altra lente d’ingrandimento su tutto quello che sta succedendo ed è così nel post derby È diventato virale un video che ritrae Calhanoglu e Theo come protagonistiin un momento di tensione più che visibile.

Il derby milanese è spettacolo, Leao e Maignan pareggiano il Milan: 3-2 contro l’Inter

Nelle foto si vede molto bene come Cahlanoglu dimostri il classico tocco della mano al momento dello scambio ‘cinque’ con tutti gli avversari tranne ddavanti al francese toglie il braccio e non concede il saluto. Gesto fastidioso di Theo, che poi la schiaffeggia nel collo del turco, che, quando se ne accorge, tira la giacca del milanista prima di partire. Segue un rapido confronto verbale tra i due giocatori, che ovviamente hanno più di qualche fastidio personale da risolvere che va ben oltre un semplice antagonismo sportivo.

Ma cosa hanno da dirsi Cahlanoglu e Theo Hernandez ancor prima di giocare un derby che poi si rivelerà una partita eccezionale ricca di competizione e di generale giusto? Certo ai giocatori non è chiaro cosa diranno in campo a San Siro, ma è chiaro È facile riavvolgere il nastro dei ricordi e trovare quello precedente che ha caricato di veleni questo veloce faccia a faccia. Si può quasi certamente rievocare quanto accaduto la scorsa estate durante gli ultimi scudetti del Milan. I cori partivano dall’autobus con a bordo i milanisti, poi venivano presi dalla folla esultante rossonera, alcuni puntati su Cahlanoglu, un grande ex con cui i milanisti non se ne sono andati molto bene e che ha portato il Popolo rossonero. ha provocato applausi in un altro derby.

Un increscioso episodio nato dall’entusiasmo e dagli eccessi della festa dello Scudetto, insieme ad altri che avevano macchiato la gioia dei rossoneri quando il gesto inaccettabile della maglia turca bruciò in piazza Duomo. Tutto aveva subito suscitato forti critiche e accese polemiche, soprattutto perché il Milan francese era stato individuato tra gli autori di questi odiosi cori. Un affronto non dimenticato oggi dal centrocampista dell’Inter, che ne ha approfittato alla prima occasione per ricordare il francese ed esprimere tutta la sua delusione.

Leave a Comment