close
close

“Ci hanno detto che avremmo pagato per questo”. L’Aia nega

La vendetta dell’arbitro della ROM fa più paura della sconfitta. Per carità, la vittoria del Napoli è meritata, ma spesso gli episodi possono fare la differenza. La spinta di Luis Alberto dopo il pareggio di Kim, visto come una carezza da Sozza, è però molto simile a quella di Petagna, che a Monza aveva annullato un gol contro il Napoli. A maggior ragione il rigore di Lazzari non è stato concesso al gomito da Mario Rui senza nemmeno il consulto o l’intervento del Var. sarri Lui non c’è e denuncia un sottofondo: “Siamo sulla soglia… gli arbitri parlano chiaro, e ci dicono anche nel sottopassaggio al Bologna: ti sei comportato male e questa è la conseguenza”. fa riferimento a una sentenza pronunciata dopo le proteste del comandante e dei suoi uomini il primo giorno da Piccinini a Torino e poi da Valeri alla riunione del 22 in casa”.

La Lazio cade all’Olimpico: il Napoli vince 2-1 con Kim e Kvaratskelia. Zaccagni non basta a Sarri

Ovviamente i dirigenti dellaL’Aia, orgoglioso della regia di Sozza e infastidito dalle dichiarazioni del tecnico biancoceleste, il quale, in conferenza e in privato sabato sera, aveva interrogato anche Lotito (lunga intervista nel ventre dell’Olimpico dopo la partita): “Se io fossi il Presidente, prima chieda un incontro a Rocchi». Il patron si muoverà, ma pubblicamente non ha intenzione di metterci la faccia.
LE STATISTICHE DENUNCIARIE
Così dice al suo posto Marco Gabriele, dirigente dell’arbitro della Lazio ed ex fischietto di Serie A: “Il rigore di Lazzari è solare e così anche la pressione di Luis Alberto sulla porta di Kim. Se non per evitare queste sviste, a che serve la tecnologia? Inoltre, anche in questo gioco la Lazio ha sofferto di una gestione delle carte incomprensibile e unilaterale. Serve più uniformità». Sì, ci può essere discrezione in alcune decisioni, ma le date sulle mappe della linea di partenza stanno diventando preoccupanti. E scatena l’ira di Sarris, polemica sì, ma non certo così ingenua da ritardare la sua denuncia (oggi i pm apriranno un’inchiesta), se non per timore di un trend che potrebbe mettere a repentaglio il vintage. La Lazio ha commesso 50 falli in queste prime cinque giornate e ha ricevuto finora 15 cartellini gialli. I biancocelesti ricevono quindi un cartellino giallo ogni 3,3 violazioni. La squadra di Sarri subisce una media di 10 falli a partita e riceve tre cartellini a partita. Il confronto con gli altri big del campionato non perdona. L’Inter ha 58 infrazioni, 8 cartellini gialli, uno ogni 7,25 falli, con una media di 1,6 cartellini gialli a partita. Il Napoli ha commesso 52 falli, con otto cartellini gialli, uno ogni 6: una media di 10,4 falli a partita e 1,6 cartellini gialli a partita. Come l’Inter. Il Milan ha gli stessi falli dei cugini nerazzurri (58) ma ha accumulato 13 cartellini gialli, quindi un cartellino ogni 4.46: a 11.6 infrazioni ogni 90′, 2.6 cartellini gialli a partita.

Lazio, la delusione con l’Aja non passa e ora Sarri rischia l’espulsione

La Juve, come la Lazio, ha subito 50 falli ma ha ricevuto 8 cartellini gialli, uno ogni 6,25 falli: 1,6 rigori di media a partita, anche se la media è di 10 errori a partita. La Lazio ha i numeri, quindi, dato che i suoi arbitri sono la peggior formazione tra i big in termini di falli commessi contro ammonizioni ricevute. Le statistiche sono supportate anche da ciò che sta accadendo agli avversari. Le squadre che hanno giocato contro i biancocelesti nelle prime cinque giornate hanno accumulato 66 falli e ricevuto solo 7 cartellini gialli, ovvero un cartellino giallo ogni 9,4 infrazioni. La differenza con quanto sta accadendo con i biancocelesti è clamorosa. Dopo Lazio-Bologna i numeri si fanno preoccupanti: gli uomini di Sarri hanno ricevuto 47 falli, mostrando un solo cartellino giallo contro un avversario (Brozovic a Lazio-Inter, 83′ per proteste), quindi in media – nelle ultime quattro partite – la Lazio stanno subendo 11,75 cattiva condotta a partita rispetto a 0,25 carte che i direttori mostrano ai loro avversari. Ora temono ulteriori rappresaglie a Formello.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

.

Leave a Comment