close
close

Come accedere all’avviso comunitario

Obiettivo: Ringiovanire la flotta di veicoli e ridurre l’inquinamento. Ad oggi il Comune di Milano ha comunicato che è possibile presentare la “Domanda di contributo per l’acquisto di un veicolo a basso impatto ambientale in vista della rottamazione di un veicolo inquinante”. L’importo complessivo del finanziamento messo a disposizione da Palazzo Marino è di 3 milioni di euro.

Il veicolo acquistato deve essere elettrico, ibrido o a benzina e il prezzo non deve superare i 45.000 euro. “Sono ammissibili al finanziamento le domande di acquisto che vengono presentate tra il 1 gennaio 2022 e il 31 dicembre 2022 e fino all’esaurimento dei fondi”, chiarisce l’amministrazione.

Le nuove divieti per Area B e Area C

Come richiedere il bonus cambio veicolo

Il bando comunale per il 2022 è potenzialmente rivolto a un numero ancora maggiore di cittadini, “con un focus particolare sulle famiglie meno abbienti. L’importo del contributo è addirittura maggiorato del 30% per chi ha un reddito Isee fino a 12.000 euro, del 25% per Isee con reddito compreso tra 12.000 e 15.000 euro, del 20% per la fascia tra 15.000 e 20.000 euro Isee” ” Per l’acquisto di un nuovo veicolo di classe M1, con emissioni di CO2 da zero a 20 g/km, auto elettrica, il comune concede un contributo a fondo perduto fino a 9.600 euro per redditi superiori a 20.000 euro Isee, fino a 12.480 euro per chi ha un reddito Isee inferiore a 12.000 euro. Per le auto con emissioni di CO2 comprese tra 21 e 60 g/km, alcuni veicoli ibridi o plug-in, il contributo è compreso tra 6.240 euro e 4.800 euro, per tali fino a 135 euro C02 le emissioni per gli ibridi sono comprese tra 4.680 e 3.600″, ha sottolineato il comune.

Ecco il link per partecipare al bando

Alcuni esempi pratici: una Dacia Spring elettrica può costare 8.170 euro anziché 20.650, una Panda ibrida 11.820 anziché 16.500, una Lancia Ypsilon ibrida 11.520 anziché 16.200 e una Ford Kuga plug-in hybrid 35.260 anziché 41.500 di listino. La richiesta vale anche per “l’acquisto di un nuovo veicolo elettrico o motorino” con “contributi a fondo perduto pari al 60% del costo totale fino ad un massimo di 3.000 euro”.

Questi veicoli possono essere rottamati:

  • Benzina inclusa fino a Euro 4
  • Diesel fino a Euro 5 incluso

Moto o ciclomotori con alimentazione:

  • Benzina due tempi fino a Euro 3 inclusa
  • Diesel due tempi fino a Euro 3 incluso
  • Motore a benzina quattro tempi fino a Euro 2 incluso

“Abbiamo investito risorse significative in questo bando per facilitare la sostituzione delle auto più inquinanti della nostra città con quelle meno inquinate. La differenziazione del contributo secondo l’ISEE permette anche di privilegiare chi ha minori opportunità economiche. Chiunque può partecipare, ma credo che chi è in difficoltà dovrebbe essere aiutato in modo più coerente”, ha commentato l’assessore alla Mobilità Arianna Censi.

Le eccezioni per l’area B e l’area C

Proprio per favorire l’acquisto di veicoli a basse emissioni, il comune ha previsto anche delle esenzioni dai nuovi divieti di circolazione di Zona B e Zona C, che entreranno in vigore il 1° ottobre, per chi sostituisce un diesel Euro 5 con un’auto sostenibile.

“Chi ha deciso di sostituire il proprio veicolo inquinante e quindi vietato con un veicolo poco inquinante attraverso un contratto di acquisto, locazione o noleggio a lungo termine continuerà ad avere accesso all’Area B e all’Area C fino alla consegna del nuovo veicolo – e in ogni caso entro e non oltre il 30 settembre 2023 – compilando la domanda di deroga sul sito del Comune di Milano”, ha osservato il Comune.

“La deroga mira a risarcire chi ha già avviato la procedura per la sostituzione di un diesel Euro 5, ma a causa dei lunghi tempi di consegna, prolungati dalla mancanza di materie prime, non deve ancora avere il veicolo a emissioni zero entro il 19 giugno da presentare, contratti da firmare entro e non oltre il 14 settembre”, ha concluso Palazzo Marino.

.

Leave a Comment