close
close

Eurobasket: Giannis troppo, l’Italia si inchina alla Grecia – basket

Un uomo responsabile: Giannis Antetokounmpo. Il due volte MVP NBA domina la vittoria della Grecia sull’Italia (85-81), una gioia per gli occhi dei tifosi. Ma l’Italia sta facendo bene con una sfrenata rimonta di -15 nell’ultimo terzo, sfiorando il pareggio con una tripla di Fontecchio. Il nuovo arrivato dallo Utah ha 26 punti nonostante l’attenzione speciale della difesa ellenica come leader offensivo dell’Italia. Il forum è da tempo sold out per ammirare Giannis, il piano terra è regale: il mitico allenatore degli Spurs Gregg Popovich siede accanto al suo ex assistente Ettore Messina, Luis Scola accanto a Marco Belinelli, Kyle Hines dialoga con Dino Meneghin e Sandro Gamba, il suo corto domani a Milano verrà proiettato un film sulla sua vita. Tutti impressionati da Giannis, inarrestabile da chiunque e impossibile da attaccare senza subire un tiro contestato o un muro con quelle braccia infinite: Melli ci prova e corregge subito uno sfondamento tra gli applausi; il collettivo prova le difese del nuoto e il raddoppio sistematico.

Ma Giannis troneggia anche sulle statistiche, che di per sé sono impressionanti: 25 punti e 11 rimbalzi. Un vero alieno. L’Italia è impotente di fronte a questa scultura dall’aspetto perfetto dell’Uomo Vitruviano. Quando è in campo, c’è poca storia: la sua presenza da entrambe le parti è troppo impressionante, e così la Grecia si espande. Quando invece è in panchina – e Dorsey (23) diventa la principale opzione offensiva – gli Azzurri tornano in campo (nonostante un modesto 34% fuori dal campo nel primo tempo) e restano in scia, dimostrando di esserci. crederci ed essere di buon livello, quasi al livello di un favorito per la medaglia. “Abbiamo assaporato cosa significa affrontare una squadra da podio – l’analisi di Datome – e c’eravamo.” La squadra di Pozzecco resta sotto per tutti e 40 ma impressiona per le continue reazioni alle spalle segnate di Giannis. Sul -12 (25-37) piazza un 7-0 che scalda il pubblico. Sul -14 (45-59), Fontecchio mette a segno triplette consecutive, la prima della sua gara dopo 6 penalità, seguito da Polonara (14+10) per un nuovo -5. A -15 (60-75), torna a -4 con 8 punti di fila, prima di Tonut (13) e poi di Fontecchio. Tentativo vano in quanto arriva una netta sconfitta, ma per Poz fa ben sperare: contro Ucraina (lunedì) e Croazia (martedì) l’Italia gioca per il posto nel girone, ma l’umore è almeno confortante. L’altra buona notizia è che c’è un solo Giannis al mondo e l’Italia se ne è già occupata

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA