close
close

Fiorentina-Juventus: la conferenza italiana

Fiorentina: le parole d’italiano

“Perdiamo Nastasic ma Ranieri è tornato a pieno regime, abbiamo quattro centrali, due mancini e due destri. L’anno scorso Ranieri ha fatto esperienza e un grande campionato a Salerno, si è meritato questa occasione. Colgo l’occasione per fare per salutare Matija, grande persona e professionista. Gli auguro buona fortuna. Abbiamo deciso di tenere Kouame, che ha dimostrato di essere molto bravo tra il ritiro e l’inizio della stagione. Benassi rimarrà a malincuore, Anche Zurkowski è tornato e potrà mostrarsi, ha fatto bene anche l’anno scorso, siamo noi ad affrontare le 17 gare fino a novembre e cercheremo di fare del nostro meglio.

Sulla Juve

“Non ci siamo goduti la fantastica prestazione con il Napoli e ci siamo liberati della delusione e dell’amarezza per la sconfitta di Udine. Dobbiamo affrontare queste partite con equilibrio in quel modo, senza emozionarci o deprimerci, analizzando a nostra volta cosa è negativo e cosa è positivo.” per cercare di reagire. La sconfitta non lo è. Ne avevamo bisogno, non ce lo aspettavamo e con più qualità potevamo anche ottenere un punto. Possiamo rimediare, ma stiamo giocando contro un’altra squadra forte… Dobbiamo “Bisogna farci l’abitudine. Serve lo spirito che abbiamo da inizio anno. Udine è stata la prima sconfitta ed è stata molto evitabile. Ci vuole volontà e consapevolezza per essere preparati ad ogni evenienza. Speriamo di recuperare qualcuno che lo è”. disponibile a combattere alla Juve.

A proposito di Gonzalez

“Aveva un problema al tallone, gli da fastidio. Un giorno sembra finita, poi torna il dolore. Oggi si è allenato, speriamo che il suo piede risponda positivamente. Ha giocato con il Twente e ha segnato, lo abbiamo usato nel secondo trasferta. 15 minuti e così con l’Empoli. Vediamo come si sentirà stasera e domani ma ovviamente sono dieci giorni che non si allena a pieno regime e mi dispiace per il suo contributo”.

A proposito di Jovic

“Ci sono degli elementi in questa squadra che ti dicono che non ce la fanno in sei giorni per condizioni fisiche e stanchezza. Uno di questi è Jovic, che ha giocato con il Napoli e ha avuto un’intensità incredibile fino al 96°. Udine e poi Juve farebbero ha tenuto il passo, ma penso che domani possa fare la sua parte, è fresco e chiaro, lo abbiamo deliberatamente tenuto a bada di settimana in settimana. Ha personalità e qualità, puoi dimostrare tutto questo”.

All’attacco

“Quell’aspetto sta un po’ con i momenti di una partita. A volte una squadra domina, a volte l’altra. Abbiamo avuto momenti in cui abbiamo subito gol con troppa facilità, ma stiamo migliorando. E in questo momento non possiamo segnare gol. Sviluppiamo per arrivare all’ultimo metro, poi dobbiamo fare nostro e ho detto ai ragazzi: in questo momento non stiamo segnando, è un peccato, non è solo un aspetto di squadra ma anche un aspetto individuale ed è non male perché lo stiamo dicendo. Sotto la porta bisogna dare di più”.

Di Duncan, Bonaventura e Sottil?

“Mi dispiace per Jack, gli abbiamo mandato le nostre condoglianze e potete immaginare il suo stato d’animo. Duncan non è ancora disponibile, da qui a domani vedremo chi è al 100% e al top”.

.

Leave a Comment