close
close

“Ho rifiutato il Leverkusen, voglio restare qui. Sto lavorando per essere un habitué”.

Inter: le parole di Gosens

“Convocato in Nazionale? Ho avuto un anno di sofferenza e ovviamente sono felice di essere tornato. Vedo questa chiamata come una ricompensa per il duro lavoro. Ma di certo non ho ancora tra le mani il biglietto per la Coppa del Mondo in Qatar. Sono pronto a combattere di nuovo. Non sono ancora nella forma in cui ero a Bergamo quando le mie prestazioni erano così buone. Sono vicino, ma allo stesso tempo so che c’è ancora molto da fare”.

Sulle tante panchine

“Gioco in un club di spicco del mondo e sono felice all’Inter. Il mio obiettivo è affermarmi in questo grande club. Adesso devo giocare tre, quattro, cinque partite di fila, per questo lavoro per il Mondiale devo prendere un certo ritmo”.

Sul Bayern Leverkusen

“Ho parlato con Simon Rolfes al telefono e abbiamo avuto uno scambio sincero e aperto. Gli ho detto che all’Inter non ho finito e che voglio lottare. All’Inter mi trovo molto bene ora e di certo non mi dispiace. ” volere. Sono super motivato e non vedo l’ora di affrontare i compiti che mi aspettano. Ma sono soddisfatto solo quando sono in campo, è un obiettivo che ho per me stesso”.

All’ufficio postale europeo

“È stato difficile rielaborare. Dopo la partita contro il Portogallo, tutti parlavano di me, è stata un’esplosione mediatica. Improvvisamente giornalisti e cameramen si trovavano davanti alla porta della casa dei miei genitori nel mio paese d’origine. I miei genitori mi hanno chiamato e mi hanno chiesto: “Cosa dovremmo fare, dovremmo mandarla via?” Certo, preferisco l’hype che passare inosservato, ma devi trovare la tua strada. Con il senno di poi, non era certo giusto che fossi così elogiato e celebrato durante gli Europei, ma non l’ho nemmeno cancellato mesi dopo. Le oscillazioni su e giù sono troppo estreme”.

Sul futuro della Bundesliga

“Ho questa grande volontà di realizzare questo sogno. Credo che in quanto giocatore della nazionale tedesca con esperienza in campionati stranieri, in futuro potrei interessare anche molti club della Bundesliga. Sono sempre stato “Seguo la Bundesliga da quando ero bambino e la guardo anche io. Ora in Italia: è l’unico campionato che guardo sempre. Ovviamente non c’è garanzia che si realizzi, ma io lo spero davvero. Se fosse il sogno della Bundesliga”. A dire il vero, lo Schalke sarebbe sicuramente l’abbinamento perfetto. È sempre stato il club per cui ho fatto il tifo. Tutti nella mia regione fanno il tifo per lui. Se mai mi dovesse succedere, si chiuderà il cerchio”.

.

Leave a Comment