close
close

Inter-Verona Primavera, testimonial: Kamate in versione deluxe, che errore botis

Testimonial Fcinter1908: I nerazzurri giocano bene ma regalano un doppio vantaggio e tornano in finale

Un’occasione mancata per l’Inter Primavera, che ha pareggiato 2-2 in casa con il Verona dopo aver segnato due gol di vantaggio. Ho posticipato la data con la prima vittoria della stagione.

Le testimonianze di Finter1908 su Inter-Verona Primavera:

boti 5 Sostanzialmente inattivo per gran parte del gioco, può fare poco o nulla sul primo gol del Verona. La seconda, invece, è opera sua: un errore che costa la vittoria.

Zanotti 7 Ecco lo Zanotti che conosciamo di nuovo: insuperabile nell’uno contro uno, sfonda spesso e volentieri in avanti, una vera spina nel fianco della difesa veronese.

Guercio 6.5 Concentrato, solido, si preoccupa poco dell’estetica ed è efficace.

Fontana rosa 6 Recuperato dai primi incarichi, guida il reparto senza dover strafare. Ha anche qualche responsabilità per il primo gol del Verona.

Pelamatti 6 Prima apparizione stagionale per il terzino sinistro nerazzurro. Un inizio incoraggiante, accompagna l’azione ed è puntuale nei finali. Partecipa però al sonno collettivo che porta al primo gol del Verona.

diverso 7 Usato come mezzo attaccante dal primo minuto, si dimostra decisamente più bravo. L’assist per il gol di Kamate è la ciliegina sulla torta di una prestazione pari.

Grigar 6.5 Ritorno fondamentale per l’Inter: si mette davanti alla difesa e non lascia passare la palla, alza con la sua presenza il baricentro della squadra. (dal 12 Stankovic 5.5 Entra e la squadra si abbassa e soffre l’aggressività del Verona)

Kamate 7.5 Migliore in campo per distanza e non solo per porta: ruba palla e riparte, attacca e tira in porta. Le sue fughe offensive logorano il Verona, il gol è la giusta ricompensa”. (Dal 45 Di Maggio sv)

Owusu 7 Vivace, sempre in movimento, variegato da entrambe le parti, trova il suo primo gol in Primavera. (dal 25 Martini5.5 Come Stankovic, entra nel momento peggiore dell’Inter)

Iliev 7 Reagisce prontamente dopo la brutta prestazione di Torino: il fallimento di Carboni gli dà la colpa, si fa trovare con più continuità tra le linee e orchestra le trame offensive. (dal 12 Esposito 6 Entra in modo che la squadra possa fare affidamento sulla propria fisicità e aprire una porta agli avversari. Nel finale tocca la rete che avrebbe regalato i 3 punti)

Curatolo 6.5 Combattendo come un leone, fa fuori la squadra, fa da panchina ai compagni e sfiora la porta. (dal 25 sar 6 Entra in gioco bene, solo il palo gli nega la gioia personale)

Chivi 6 Segnali incoraggianti della squadra, che ha dominato l’avversario per lunghi tratti di gioco. Pressing alto, manovre fluide, molte mosse da gol. Nella ripresa cambia tutto: l’Inter va troppo in profondità, soffre l’aggressività del Verona e butta al vento la vittoria. C’è del lavoro da fare.

Leave a Comment