close
close

“La Roma era la mia priorità. Abramo? stimolare la concorrenza”

ROMA – È il giorno del gallo. Andrea belotti Dopo aver esordito con la Roma nei minuti finali della gara contro il Monza, si è rivolto alla conferenza stampa di questo pomeriggio per presentarsi ai tifosi e discutere la trattativa per il suo arrivo nella Capitale.

L’anno scorso hai segnato meno punti del solito, perché?
“La scorsa stagione è stata tumultuosa. Ho avuto qualche infortunio accidentale, nessun infortunio muscolare. Solo uno era un infortunio muscolare, gli altri erano arresti accidentali. Quando si ottiene la condizione e poi ci si infortuna è difficile tornare e mi è successo un numero di volte… ho avuto difficoltà a trovare la condizione e infatti ho giocato anche meno rispetto alle stagioni precedenti.

Che sfida è per te? Come è stata la tua estate?
“E’ stata un’estate speciale. La mia priorità era venire alla Roma perché so di aver trovato qui un progetto importante. Un club ambizioso e una squadra ambiziosa. Non stavo cercando un contratto che mi proteggesse, stavo cercando per un progetto”. Quella era l’occasione migliore per me. Non ci ho pensato molto, la Roma è sempre stata la mia priorità. So che qui c’è Abraham, che è molto forte, ma per me è un incentivo a fare meglio. A grandi squadre è così”.

Roma, Belotti subito in campo: primo allenamento a Trigoria

Guarda la galleria

Roma, Belotti subito in campo: primo allenamento a Trigoria

come stai fisicamente
“Mi sono allenato con un preparatore atletico perché sapevo che sarei arrivato più tardi e voglio essere subito pronto. Sono arrivato qui, ho fatto due allenamenti e poi ho giocato 10 minuti. Fisicamente sto bene, ma ci vorrà del tempo”. meccanici, capisci cosa chiede il mister, ma io sono disponibile. Devo solo lavorare, lavorare e lavorare”.

La Roma può puntare a più del quarto posto?
“E’ un campionato strano perché ci fermeremo per il Mondiale. Penso che sia un’occasione per i giocatori che non vanno in Qatar di essere pronti per la ripartenza. La grande rosa è un punto di forza perché tutti hanno bisogno di diventare. ” L’obiettivo della Roma è vincere partita dopo partita, concentrarsi su ogni singola partita. La Roma può vincere ogni partita e in ogni partita dobbiamo pensare a vincere. Poi vedremo dove arriveremo. Non dobbiamo mai porre limiti”.

Quando hai sentito per la prima volta dell’interesse della Roma? La parte vincitrice della conferenza ha usato l’influenza per convincerti?
A luglio c’è stato un primo contatto con il dirigente, ma non è potuto avvenire perché la Roma aveva molti attaccanti. La scorsa settimana il direttore mi ha chiamato per chiedere 72 ore e ho dato piena disponibilità. La Roma era la mia priorità, anche se all’inizio non c’era niente. Poi tutto è stato fatto in 2-3 giorni e tutto è andato molto velocemente. Ho visto la festa, è stato bellissimo. Uno spettacolo bellissimo che dimostra l’unità tra la Roma ei suoi tifosi”.

Come vivi la convivenza con Abramo? Trova Dybala dopo tanti anni, cosa ne pensi?
“La competizione è un’opportunità per crescere e migliorare. Abraham è un grande attaccante e questo mi incoraggia a fare sempre di più in ogni allenamento. Abbiamo incontrato Paulo, è stato bello. Le prime parole sono state sul percorso che abbiamo percorso. Siamo partiti Palermo insieme per andare a Torino, ma in due squadre diverse e ora ci siamo ritrovati. A Palermo eravamo bambini, ora ci siamo trovati molto più maturi”.

Come ha trovato l’accoglienza all’Olimpico?
“E’ stato magico. È stato bello vivere tutto quello che è successo, i compagni di squadra sono venuti a scaldarsi e potevo sentire i tifosi che mi cercavano. Ho sentito l’affetto dei tifosi sulla mia pelle. Sono entrato, ho guardato e ho visto tutto queste persone. Una cosa è sentirne parlare, una cosa è viverlo. L’inno cantato, l’atmosfera, era tutto fantastico. Era come vivere un sogno, è stato un peccato non aver segnato nessun gol ma è stato comunque bello “.

Testimonial Roma-Monza: Matic efficace, Ibanez sicuro

Guarda la galleria

Testimonial Roma-Monza: Matic efficace, Ibanez sicuro

Iscriviti al Corriere dello Sport Fantasy Championship: Mister Calcio CUP

Leave a Comment