close
close

L’ESPERIENZA LIVE – Samp – Lazio, Sarri: “Ora la prestazione conta più dei punti”. E al mercato…

ESPERIENZA LIVE - Sampdoria - Lazio, Sarri: "Ora le prestazioni contano più dei punti".  E al mercato...

TUTTOmercato WEB.com

© Foto tratta da www.imagephotoagency.it

Lazio non va oltre il pareggio Ferrari contro il Samdoria. A destinazione di Proprietà risponde, al 45′, quella di Gabbiadino. Il fischio a tre vie è 1:1. Il biancoceleste è una squadra ingenua che mantiene il risultato nel limbo fino alla fine e non sfrutta il doppio vantaggio. Il gol del pareggio della Samp è un vero scherzo. Maurizio Sarri parlerà in conferenza stampa tra pochi minuti. SU Laziosiamonoi.it ha scritto direttamente:

Cosa è successo negli ultimi minuti?

“Niente, abbiamo spostato due cross, non è successo niente di grosso. Abbiamo aperto su una palla che non era del tutto in nostro possesso e l’abbiamo pagata. La squadra ha giocato una buona partita, è venuta qui, ha subito poco. Hanno fatto molto. L’unica lamentela è che aveva 6-7 situazioni da finire e in quelle situazioni trasmetteva un senso di affettazione e non di malizia. Per il resto ha giocato una partita seria”.

Casale?

“Sta bene, ha grandi qualità. Ci sono due ragioni per cui ha bisogno di tempo: decisamente un aspetto vivace, è un ragazzo introverso. E poi giocava in un trio, che prende un po’ di tempo una pedina importante per il futuro della Lazio e non parlo di un futuro a lungo termine”.

Particolarmente nervoso nel secondo tempo?

“No, no. L’unica cosa che mi dava fastidio era il caldo. Mi sembrava che la Lazio avesse il controllo totale del gioco, forse troppo. E non mi sarebbe piaciuto che questo li avesse portati a perdere in la faccia del Napoli avrebbe risparmiato energie”. e non finire la partita stasera. Esco confortato, non preoccupato”.

Continuità, manca l’ultimo passaggio?

“In termini di mentalità, la squadra era lì, concentrata, orientata agli obiettivi, motivata. Ci mancava la malizia, non la testa. Quella era la classifica delle partite in cui non siamo nemmeno scesi in campo e abbiamo perso 3-0. Livello di mentalità S, la risposta che volevo”.

Felipe e Romagnoli?

“Romagnoli aveva questa sensazione di crampi al flessore. E con quel contrarsi muscolare diventava noioso giocare ogni minuto di più. Felipe ha un taglio asciutto, l’hanno ricucito con cinque punti. in tre giorni”.

Deluso dal risultato della squadra?

“Non meritavamo questo risultato e il pareggio è arrivato al 93′, è vero che la squadra è uscita con tanto piscio. Se devo stare chiaro e giudicare i 95 minuti, devo parlare di cose diverse “Adesso mi sbarazzerò, l’Inka***tura era anche mia”.

Mercato?

“Che diavolo stai facendo? Sento poco di calcio, molto di mercato. L’85% di voi sarà disoccupato da domani. Regali? Non credevo nemmeno a Babbo Natale, mi aspetto poco da tutti. Io Sono soddisfatto dei ragazzi che ho. L’unica cosa che ci può mancare è un’ala sinistra. Il Presidente lo sa perfettamente. I ragazzi che ci sono sono giovani, sentono di poter essere fondamentali per noi”.

Calmo o arrabbiato?

“Se sei povero quando sei giovane e poi diventi ricco, cerchi sempre di vedere chi è più ricco di te. Questa è la mia sensazione, sono felice con un minimo di confusione. Con 34 partite, i sentimenti contano di più. positivo rispetto a lasciarci un punto. Magari vieni qui, fai una partita terribile e prendi l’1 a 0. Sei contento dei tre punti, ma li stai pagando. Se fosse il penultimo gioco, sarebbe drammatico. Al momento le prestazioni contano più dei punti”.

CLICCA QUI PER IL VIDEO O SCORRI FINO ALLA FINE DELL’ARTICOLO

TORNA ALLA PAGINA INIZIALE

Inserito il 31/08

Leave a Comment