close
close

MotoGP. I testimonial di Misano: Bagnaia perfetta: cosa dovrebbe saper fare di più? – MotoGP

Una bagnaia su 10, imbattibile. Nove per un Bastianini da applausi e 8 per un Vinales in crescita. Otto anche per Quartararo, che… resta il numero uno

5 settembre 2022

Francesco Bagnaia Voce 10

e“Nella bolla magica vince sempre lui: siamo in quattro di fila. È stata dura e quindi tanto più importante: Bastianini ha provato tutti i mezzi. Era riluttante a riunire al meglio tutte le sue qualità: velocità, frenate pazze, traiettorie sempre impeccabili, resistenza alle pressioni da dietro, visibilità, controllo totale della sua moto. È al suo massimo in questo momento. Imbattibile.

Enea Bastianini 9

AAveva la velocità per vincere, ma non era particolarmente efficace nei primi giri, mentre nell’ultima, preparando l’attacco decisivo, ha sbagliato e non ha avuto occasione di provarci, anche se non si è arreso fino al traguardo, tanto da stabilire il record di percorso. Poi dopo la gara Ha sofferto il ‘tiro’ dalla distanza di Claudio Domenicali ma ha fatto benissimo provando. Applausi.

Outsiders Vinales 8

ffino a metà gara sembrava essere il pilota più veloce, ma non riusciva a trovare il modo di sorpassare: se l’avesse fatto, il risultato finale sarebbe stato molto diverso. Poi ha perso anche il secondo posto, ma il terzo podio in quattro gare testimonia la sua assoluta efficienza. Bello rivederlo così presto. In crescita.

Luca Marini7.5

B.in gara, veloce e sostanzioso. Un altro tassello per costruire qualcosa di importante: il primo podio in MotoGP si avvicina velocemente. Con fermezza.

Fabio Quartararo8

tun un’altra grande gara, oltre il risultato finale: questo è tutto quello che posso fare con questa moto. Sta cercando di aggrapparsi al campionato in tutti i modi, ma ha poche opzioni per difendersi. Come pilota rimane il punto di riferimento. Numero uno.

Aleix Espargaro5

Sseconda gara consecutiva consecutiva, per la terza volta negli ultimi quattro GP finisce dietro ai compagni di squadra. Resta costante, ma ha perso velocità: il sogno del titolo sembra svanire. Anche se dice che ci crede ancora. Ma dobbiamo cambiare ritmo. Poco drastico.

Alex Rin 6

A A metà gara sembrava avere la possibilità di finire almeno tra i primi cinque, poi si è ritirato in finale: prima Suzuki ha fatto la differenza negli ultimi giri, ora non sembra. Senza vergogna e senza lode.

Brad Raccoglitore 6

Sufficio perché È il primo pilota KTM a tagliare il traguardo, ma questa è l’unica nota positiva. Stagione complicata dopo un inizio da star.

Jorge Martin 4

fOrse deve ancora riprendersi dalla delusione per non essere stata selezionata per la squadra ufficiale: Siamo molto lontani dal suo potenziale. Abbiamo bisogno di una sveglia.

Alex Marquez 5

tuAncora più voti perché è la prima Honda a tagliare il traguardo.

Miguel Oliveira4

forse non vuole più correre rischi.

Andrea Dovizioso5

tuUn piccolo passo avanti rispetto al solito nella sua ultima gara. Il voto è per il GP, badate bene, non certo per la carriera. #Grazie molto.

Marco Bezzecchi 5

Csi è pentito dell’incidente alla curva 10 quando era quinto: Errori comuni di inesperienza al debutto in MotoGP. Ma che velocità

Jack Miller 4

SSembrava aver trovato grande consistenza, invece è caduta per prima al secondo giro (alla curva 4). Poteva, doveva essere, un’altra Ducati davanti a Quartararo.

Fabio di Giannantonio4

tuuna pericolosa involuzione, Ha bisogno di riscoprire le sensazioni di prima della pausa estiva.

Franco Morbidelli6

eFu coinvolto inconsapevolmente nella caduta di Di Giannantonio davanti a lui e la sua corsa finì lì. Ma per i progressi mostrati durante il fine settimana, merita incoraggiamento.

Ducati DesmosediciGP voto 9.5

CCome accennato altrove, Siamo vicini alla perfezione assoluta. Non so se il nostro ingegnere Bernardelle riesce a trovare degli errori, non li vedo.

Aprilia RS-GP voto 9

SSiamo in linea con Ducati: forse, ma non è certo, leggermente inferiore, ma comunque molto competitivo. E c’è ancora spazio.

Yamaha M1 messa a punto 5

Ccambiano le orbite, ma non cambiano i risultati e quindi le considerazioni: la differenza di prestazioni è troppo grande.

Suzuki GSX-RR messa a punto 6

PPersonalmente mi aspettavo un po’ di più. E non ha più il vantaggio di sfruttare al meglio le gomme nel finale.

KTM RC16 voto 5

lL’obiettivo è essere entro cinque secondi dal primo: fallire.

Sintonizzazione Honda RC213V 5

IL I limiti tecnici sono rafforzati dalla naturale demotivazione dei piloti.

.

Leave a Comment