close
close

Nations League: la Francia vola con Giroud, paura per Maignan Bene, Croazia, Belgio e Olanda

Il portiere del Milan è dovuto uscire al 45′ per un dolore al polpaccio. Pareggio della Turchia in casa contro il Lussemburgo (3-3)

I grandi vincitori, invece, Maignan e Koopmeiners lasciano il campo prima del previsto: il primo per infortunio, il secondo per una botta alla testa. Nella quinta giornata della Nations League, Francia (2-0), Croazia (2-1), Belgio (2-1) e Olanda (0-2 in trasferta) sono molto richieste rispettivamente contro Austria, Danimarca, Galles e Polonia. . Mbappè e Giroud trascinano il campione del mondo, segna anche Under e spinge la sua Turchia verso il pareggio (3-3) con il Lussemburgo. Finisce 1-2 il match tra Calzona e De Biasi, allenatori italiani di Slovacchia e Azerbaigian, mentre la Lituania pareggia 1-1 con le Isole Faroe. Festeggiano anche Kazakistan, Moldova e Andorra.

CROAZIA E FRANCIA

Al quinto tentativo, la Francia ha conquistato la prima vittoria nel Gruppo A1. Nella partita contro l’Arnautovics Austria, il campione del mondo mette Maignan tra i pali e Giroud a tridente con Mbappé e Griezmann. Nel primo tempo Sabitzer ha provato a impensierire il portiere del Milan, il francese ha risposto con Kylian, che ha negato due occasioni poco prima della mezz’ora. Al 35′ Tchouameni colpisce la traversa con una rovesciata, all’intervallo è ancora 0-0. Brutte notizie per il Milan: Areola sostituisce Maignan, bloccato per un problema muscolare. Nella ripresa la Francia riesce a realizzare prima con Mbappé e poi con Giroud. Il fuoriclasse del PSG approfitta di un errore di Sabitzer e contrattacca, evitando tre avversari e battendo Pentz: il milanista raddoppia con la sua specialità e colpisce perfettamente il cross di Griezmann: 2-0. Nello stesso girone la Croazia batte 2-1 la Danimarca e la relega al primo posto: a Zagabria affronta i titolari Brozovic, Pasalic e gli ex nerazzurri Kovacic e Perisic, che sfidano Kjaer, Maehle, Eriksen e Skov Olsen & Co. Il primo tempo è equilibrato, nella ripresa decidono Sosa (al 49′) e Majer (al 79′, un minuto dopo l’ingresso in campo), entrambi segnando con un tiro dal limite. L’Eurogol di Eriksen, ideatore del momentaneo destro dalla distanza per 1-1, è per i danesi altrettanto piccolo della prima apparizione dell’Atalanta Hojlund con la nazionale maggiore.

BELGIO E OLANDA

Nonostante l’assenza di Lukaku, il Belgio mantiene il secondo posto nel Gruppo A4 grazie alle partite di Kevin De Bruyne. I Red Devils inizialmente hanno lasciato in panchina tanti “italiani”: De Ketelaere (in campo in finale), Saelemaekers e l’ex Mertens, Theate e Castagne. Avversari di giornata sono Ampadu e il Galles di Bale (fuori dall’undici titolare), che cadono in svantaggio dopo 11 minuti per un tiro dal limite di De Bruyne. Il Belgio domina, Tielemans sfiora il raddoppio, poi De Bruyne colpisce ancora il palo e al 37′ Batshuayi ha bisogno di un pallone che può essere solo spinto in rete. Alla fine del primo tempo era 2-0. Al 50′ Moore chiude il gap con un colpo di testa, ma alla fine prevale l’esperienza belga, gestendo il vantaggio e vincendo 2-1. In testa al girone ci sono sempre l’Olanda, che festeggia la vittoria casalinga (0:2) contro la Polonia come “Serie A”: Szczesny, Glik, Kiwior, Zalewski, Zielinski e Linetty (sostituito a metà partita da Milik) contraddicono Depay e non i suoi dipendenti. Dopo appena 6′ gli ospiti perdono Koopmeiners, che esce in barella per un colpo alla testa. Al 14′ segnano con Gakpo, che a un metro dalla linea di porta devia una cioccolata che l’interista Dumfries gli serve. La doppietta arriva in tempo di gioco, con un tiro di Bergwijn vicino al portiere. De Ligt e De Vrij restano in panchina per tutta la partita.

GRUPPO C

Nel Gruppo 1, Turchia e Lussemburgo sono le protagoniste con un’accesa partita di domande e risposte al Basaksehir Stadium. Gli ospiti continuano al 9′ con Martins che trasforma un passaggio del portiere e un errore della difesa avversaria. Al 14′ Under pareggia dal dischetto, ma Luxemburg non si arrende e continua a minacciare grazie alle azioni di Wards Rodrigues e Borges Sanches, 18 di Mönchengladbach. La stella si mette in mostra al 37′ e serve la palla a Sinani per l’1-2. Di lì a poco Chanot – che aveva già provocato il rigore per l’1-1 – realizza un autogol: 2-2. Nella ripresa Under continua a scatenarsi, inventando due assist sprecati dai compagni. Al 69′ il Lussemburgo segna ancora con Rodrigues che supera Cakir alla prima rete. Il gol del 3:3 arriva all’87’ con uno splendido tiro dalla fascia dell’esordiente Yuksek. Lituania e Isole Faroe hanno pareggiato (1-1, gol di Andreasen e Slivka), mentre il Kazakistan ha battuto la Bielorussia 2-1 nel Gruppo C3 (fondamentali i gol di Gabyshev e Zaynutdinov). Il Kazakistan resta in testa al girone ma la Slovacchia non ha niente da fare. Nella partita tutta italiana tra allenatori Calzona – che punta su Skriniar e Lobotka – e De Biasi (in testa all’Azerbaigian), quest’ultimo vince nei tempi di recupero. Dopo lo 0-1 di Dadashov, Jirka pareggia ai rigori al 93′. Calzona esulta, ma il fischio dei tre gol è ancora lontano: Haghverdi approfitta di un calcio d’angolo e segna il finale di 1:2 con un colpo di testa.

GRUPPO D

Nel Gruppo 1, la Moldova ha battuto in casa la Lettonia grazie ai gol di Revenco e Nicolaescu, entrambi a segno nel primo tempo. Ikaunieks segna l’1-2 nella ripresa, ma non basta per evitare la sconfitta dei lettoni, ancora leader, a +2 esattamente dalla Moldova. Il Liechtenstein è ancora a zero punti, battendo 0-2 Andorra (gol di Ubach e Cervos).

.

Leave a Comment