close
close

Questo è quello che succede quando i mercati scendono perché finiscono per essere pochi

Quando i mercati scendono, tendiamo sempre a vedere il lato negativo (i miei investimenti stanno perdendo valore) e spesso dimentichiamo le opportunità che presenta un mercato ribassista. Ad esempio, uno degli errori commessi da molti investitori è quello di utilizzare la liquidità rimanente non appena i mercati scendono del 5-10%. In genere, tuttavia, il grosso problema con i mercati ribassisti (quelli reali) è che i grandi crolli arrivano sempre verso la fine.

Fonte: Bloomberg, Merk Investment

Fonte: Bloomberg, Merk Investment

Infatti, nella tabella sopra, vediamo come tipicamente dividendo la durata di un mercato ribassista in 3 parti, il “dolore” arrivi sempre nell’ultimo terzo, dove i mercati cadono in media il doppio rispetto alle fasi precedenti (20% rispetto a circa il 10%).

Ecco perché gli investitori in genere si tengono alla larga da quando vengono toccati i minimi, perdendo i potenti upleg che seguono sempre.

Succede perché è nella natura umana comportarsi in questo modo, perché i mercati ribassisti (quelli veri sempre) portano. A poco a poco, non vedi mai la luce, e quando finalmente risplende, scende ancora di più. Pertanto, come ho analizzato nei precedenti articoli, una buona strategia di utilizzo della liquidità dovrebbe tenere conto anche di scenari più traumatici, come ad esempio: In questo modo dovremmo (almeno emotivamente) essere in grado di catturare 9 mercati ribassisti su 10 (se dovesse succedere un nuovo anno 2008 con i mercati a -55%, allora dovremmo essere pazienti).

Ma il lato positivo che gli investitori spesso dimenticano è che compriamo meglio quando le cose vanno male, quindi la liquidità che portiamo ai mercati viene investita in rendimenti futuri attesi più elevati.

Fonte: Damodaran

Sopra ho riportato il valore aggiornato dell’ERP (Equity Risk Premium) ad oggi. Più alto è questo livello (linea azzurra), più economico è il premio derivato dall’investimento in azioni. Puoi quindi vedere come in tempi di recente calo (ricordate l’ultimo trimestre del 2018?) e dell’attuale lungo calo, questo premio stia aumentando.

Quindi, come sempre, alla fine non ci sono certezze, ma conoscere la storia, le statistiche e la natura di ciò che acquistiamo migliorerà notevolmente e sicuramente i nostri risultati nel tempo.

Fino alla prossima volta!

Se trovi utili le mie analisi e desideri ricevere aggiornamenti quando le pubblico in tempo reale, Clicca sul pulsante SEGUIMI sul mio profilo!

“Questo articolo è stato scritto solo a scopo informativo; non costituisce una sollecitazione, un’offerta, un consiglio, un consiglio o una raccomandazione di investimento in quanto non intende in alcun modo incoraggiare l’acquisto di alcun bene. Ricorda che qualsiasi tipo di asset è valutato da più punti di vista ed è altamente rischioso e quindi qualsiasi decisione di investimento e il rischio connesso rimangono di responsabilità”

Leave a Comment