close
close

Recensione del film Love in the Villa su Netflix

– Pubblicità –

Love in the Villa – Innamorarsi di Verona, trama e recensione del film su Netflix dal 1 settembre 2022

Amore in Villa – Innamorati di Verona è un’altra commedia romantica americana. Sarà disponibile su Netflix il 1 settembre 2022 ed è diretto e scritto da Mark Steven Johnson. Nel cast una vecchia conoscenza per gli appassionati di serie TV. Questo è Tom Hopper, a prima vista L’Accademia degli Ombrelli.

Siamo sicuri che troverà un posto nella top ten di Netflix, dove le commedie romantiche e i film d’azione sembrano essere i più popolari. Un altro esempio di commedia romantica relativamente nuova ambientata in Italia che è entrata nella top ten è Love & Gelato, che consigliamo.

La trama di Love in the Villa

– Pubblicità –

Love in the Villa – Innamorarsi di Verona la tramaGiulia È un’insegnante di scuola elementare che ama Shakespeare, in particolare Romeo e Giulietta. Ecco perché è così eccitata per il suo viaggio a Verona con il suo amico di sempre Brandon. Spera con tutte le sue forze che la casa di Julia prenda il posto dove riceve la proposta di matrimonio. Brandon non è d’accordo e decide di porre fine alla relazione poco prima di andarsene.

Julia arriva in Italia da sola, ma non si fermerà a lungo. Infatti, per un errore del padrone di casa, il suo appartamento è stato affittato a due persone contemporaneamente. È atletica e antipatica Charlieche lavora nelle esportazioni di vino a Londra ed è in città per affari. La magia di Verona ti avvicinerà del previsto.

La recensione

Se sei una di quelle persone che si infastidiscono quando l’Italia è ritratta come un po’ folk e rumorosa, dovresti evitare questo film. Quando la sfortunata e appassionata maestra Julia arriva effettivamente in Italia, trova un certo Uberto che l’accoglie (come Uber, ma… meglio?), che le porge i famosi cannoli veneziani di sua madre mentre lei sembra una persona del tutto priva di sensi guida e urla cose a caso in italiano. Il padrone di casa della villa, a Emilio SolfrizzoIl piccolo e scaltro Babbo Natale, un po’ deus ex machina, porta in regalo agli ospiti scontenti prosciutto e parmigiano e rivela senza vergogna di avere una moglie e una ragazza, entrambe ovviamente all’oscuro delle altre.

A parte questo e addirittura il superamento dell’effetto “spot della Liguria in onda durante il Festival di Sanremo” (il film contiene chiaramente uno spot per l’intera città di Verona, per la casa di Giulietta e anche per Vinitaly) e il fatto che purtroppo sia così non è una scintilla di chimica tra i protagonisti, ciò che ci resta è una commedia romantica innocua, innocua, leggermente stravagante. L’intera parte della guerriglia tra Charlie e Juliet è surreale e divertente. Lo fa arrestare e mette a rischio il suo mega-lavoro internazionale, in risposta le fa mangiare uno stufato di carne di cavallo come scusa. Non fa una curva, vero? Vedere per credere.

Il trailer originale

Il poster

L’occupazione

  • Tom Hopper è Charlie
  • Kat Graham è Giulia
  • Laura Hopper è Cassie
  • Raymond Anero È Brandon
  • Elena Cardona
  • Atikur Rahman Mahi
  • Katie McGovern
  • Pietro Arpesella
  • Emilia Solfrizzi

– Pubblicità –

Leave a Comment