close
close

Tennis: noi aperti; Italia in testa con Berrettini, Giorgi ko – tennis

Italtennis avanza agli US Open. Dopo le buone prestazioni di Fognini e Sinner, arriva alla ribalta anche Matteo Berrettini che si avvicina al terzo turno del torneo di New York dopo un match non certo vellutato. I Blues hanno impiegato quasi tre ore e mezza di gioco per sconfiggere il francese Hugo Grenier 2-6 6-1 7-6 7-6 in 3 set a 1. Camila Giorgi lotta, ma non basta per stare nello slam con le stelle: i marchi cedono in tre set (6-4,5-7, 7-6) all’americano Madison Keys Fabio Fognini, che non si arrende mai molto bene . Dietro il suo linguaggio del corpo apparentemente languido e distante si cela la tigna del grande agonista, che sul campo ha dimostrato mille volte in una carriera che lo ha portato nella Top 10 e in Coppa Davis in Italia.

E nella notte di New York, realizza un’altra impresa elettrizzante all’età di 35 anni, rompendo uno svantaggio di due set sul russo Aslan Karatsev (38 atp) fuori bandiera per finire 1-6 5-. 7 6 -4 6-1 6-4 in 3 ore e 34 minuti la sua nona rimonta in carriera: uno specialista del brivido. Il bello è che con questo risultato non solo si accede al secondo turno degli US Open 2022, ma anche l’occasione domani, sicuramente su un palcoscenico importante (l’Arthur Ashe Stadium), contro nientemeno che Rafael Nadal, il vincitore , a disputare l’esordio del giovane australiano Rinky Hijikata (4-6, 6-2, 6-3, 6-3) tramite pareggio grazie ad una wildcard. Lo spagnolo alla fine è diventato al centro di polemiche sulle accuse di John McEnroe secondo cui il maiorchino avrebbe ricevuto un trattamento preferenziale dai giudici in carica se avesse superato i secondi consentiti. “Ma è uno scherzo? – ha risposto Nadal in conferenza stampa – Mi avete dato molti avvertimenti nella mia carriera. Mai per aver rotto una racchetta, ma tante volte per la cronometro”.

Tra gli altri Azzurri, Lorenzo Musetti, numero 30 e numero 26 del mondo di serie, festeggia la sua prima vittoria nel quinto set stagionale. Con ciò, ha aperto i suoi US Open, battendo l’ex top 10 belga David Goffin, ora numero 62 ATP, 36 75 64 36 76 (9). Ha vinto una partita che sembrava irrimediabilmente persa quando Goffin ha avanzato due pause nella quinta pausa ed è arrivato a due punti dalla vittoria. Ma al quinto scivola sul 5-2 30-15 e da quel momento la partita gli sfugge anche di mano. Nelle condizioni più difficili, nei tornei più importanti, le abitudini acquisite con gli allenamenti fanno la differenza. E quelle abitudini per Musetti ovviamente si sono sviluppate dopo aver vinto il titolo ad Amburgo nella finale contro Carlos Alcaraz meno di due mesi fa. Il britannico Endy Murray supera l’americano Nava ed entra nel terzo round: l’ex numero 1 del mondo non esisteva dal 2016. Non ci sarà un’altra gara da sogno per Emma Raducanu: un anno dopo due settimane della più spettacolare carriera giovanile, la campionessa in carica e numero 11 testa di serie numero 11 è stata eliminata al primo turno dall’esperta francese Alizé Cornet: 6:3, 6 :3, punteggio finale. Fuori anche la forte giapponese Naomi Osaka. Finalista a Wimbledon, invece, Ons Jabeur: il tunisino, numero 5 del mondo, si è qualificato al terzo turno battendo l’americana Elizabeth Mandlik (#144) 7-5, 6-2.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA