close
close

Torino, Vagnati: “Volevo Praet, Brekalo ha chiesto di tornare. Sul caso Lukic e sul mio futuro…’| Un campionato

Dopo la riunione estiva di mercato, il Direttore Tecnico di Torino, Davide Vagnati, fa il punto su tutte le trattative della compagnia di granate in una conferenza stampa. “Non ci sono rimpianti per il centrocampista che non è arrivato. Abbiamo provato a prenderlo PreteMi sarebbe piaciuto, non sono innamorato solo del giocatore, ma anche del ragazzo da cui voleva arrivare Torinoma non era un problema economico o altro, era una scelta legittima leicester non lasciare andare il giocatore. Tuttavia, siamo soddisfatti del mercato. Le risposte sul campo poi danno il valore effettivo del lavoro svolto, ci sarà tempo e opportunità per determinare se il lavoro è stato buono.

“Se il Torino fosse più forte quest’anno o l’anno scorso? Se a inizio mercato mi fosse stato chiesto se avrei voluto finirlo così, avrei risposto così”.

Vagnati ha poi svelato un aneddoto: “Vi racconto un aneddoto: Brekalo voleva tornare a TorinoHa fatto di tutto per tornare ma non era giusto riprenderlo e non per motivi sportivi. Volevamo tenerlo l’anno scorso. Come linea, manteniamo chi vuole restare. Non credo ci saranno più casi di Brekalo quest’anno, degli 8 giocatori che si sono uniti quest’anno, 3 sono in prestito con diritto di trasferimento.

“Non voglio dire se siamo più forti ora o se lo fossimo l’anno scorso, ignorerei coloro che erano lì l’anno scorso e si sono comportati bene. Abbiamo grandi speranze e aspettative per alcuni ragazzi e spero di poter continuare con molti di questi giocatori in futuro, non mi piace cambiare molto.

SU Schuur: “Schuurs è un ragazzo che abbiamo seguito, è stata una trattativa difficile perché c’erano anche altre squadre che volevano prenderlo. Ha le condizioni fisiche per essere un giocatore importante, poi tocca a lui lavorare, rendersi disponibile. Voleva venire al Torino e ha fatto di tutto per arrivare al Torino e non è una conclusione scontata perché era un giocatore importante per continuare.

In caso di mancata conferma di mandragora, Pjaca e Pobega: “Mandragora abbiamo cercato di capire insieme al giocatore e a lui juventino, che era disposto a venderlo se poteva restare, ma ha preso la decisione legittima di cambiare squadra e trasferirsi in un altro club. Pjaca, invece, non si è riscattato per la scelta tecnica. Non aveva opzione di trasferimento su Pobega e il Milan non voleva parlare di trasferimento definitivo”.

Vagnati ha parlato della situazione Luca: “Lukic resta ed è un giocatore importante, ha sempre dimostrato con i fatti che ha a cuore il Torino. È arrivato da ragazzino, è diventato un giocatore che ci dà tanto dentro e fuori dal campo. Diciamo che aveva un raggio di sole per via del caldo. Adesso è tornato tutto e anche la reazione della squadra di Monza è stata buona. Adesso parliamo con l’agente del rinnovo, ha il contratto fino al 2024 ma per noi è un giocatore importante . raggiungere un accordo”.

A proposito di centrocampo: “Quanto è corto il soffitto a centrocampo? Abbiamo cercato di catturare Prete Per questo motivo, c’erano poi altri nomi di giocatori che abbiamo guardato che non sono usciti. È sempre meglio avere qualche giocatore in più, ma crediamo di avere le risorse per fare bene. Teniamo conto che mancano solo 10 partite a gennaio, quindi ci serviva subito un giocatore pronto. Quando è arrivato Praet aveva senso, in quel ruolo volevamo Praet e lo abbiamo semplicemente trattato.

Vagnati ha parlato anche di acquisto Radonjic: “Radonjic è praticamente nostro, c’è l’obbligo di ripagare. L’idea di Radonjic è nata pochi mesi prima del suo acquisto. È un giocatore forte che ha buttato via un po’ il suo talento, qualche passaggio che aveva. Prima che lo prendesse gli ho parlato molto, voleva venire a Torino e me lo ha dimostrato riducendo drasticamente lo stipendio. Anche se all’inizio avevo dei riferimenti negativi al giocatore, alla fine ci siamo convinti a comprare lui ingrassa.

In attacco: “Come si compensa l’assenza? belotti? Con giocatori di talento e quelli che abbiamo, abbiamo preso un attaccante come Pellegri che è giovane e ha molti margini di miglioramento, poi c’è Sanabria, un giocatore che ci dà molto in termini di gestione palla e manovra.

Alla domanda del portiere “Il portiere? L’anno scorso ho visto un po’ troppa rabbia contro Milinkovic-Savic che era al suo primo anno da proprietario. Quando affidi il gol a un portiere che non ha mai giocato è normale imbattersi in qualche punto interrogativo, Vanya, secondo me l’anno scorso ha fatto una buona stagione, poi ci dai molto anche in termini di controllo palla e uscite. Penso che già in quelle prime partite abbia dimostrato di essere un portiere affidabile, ha bisogno di migliorare ma ha molti margini di miglioramento. gemello È un ragazzo che stimo molto, se avesse avuto una richiesta in serie B lo avremmo lasciato andare. In Serie C sappiamo già cosa può fare, in una categoria superiore lo avremo fatto con valutazioni diverse”.

Sulle richieste di Juric: “Juric mi ha chiesto dei giocatori? Ne abbiamo uno e basta Karamohcosa possono fare sia l’esterno che l’attaccante centrale, per il centrocampista avevamo in mente Preteche può giocare anche da centrocampista in difesa, anche perché avevamo anche altri giocatori in attacco”.

Infine, Vagnati ha parlato del suo futuro: “Il mio futuro? Sono molto felice di essere qui a Torino, di aver cambiato un po’ l’inerzia delle ultime stagioni, che non sono state stagioni buone. Vorrei continuare al Toro perché vedo che ci sono molti margini di miglioramento, io sono una persona che dorme poco la notte per trovare soluzioni, voglio provare a fare qualcosa di importante per questo club e per il Presidente, che ha fatto una campagna per molti soldi a Torino. L’essenziale nella società, oltre ai tifosi e alla storia, è qualcuno che porti i soldi, per fortuna ce l’abbiamo”.

Leave a Comment