close
close

troppi pericoli. La città sta ora montando i tabelloni del tachimetro

I dati

Dal 46 gennaio multe: 27 eccedenti i 40 km, 11 eccedenti i 100 km/h. Il sindaco: “Entro fine anno due dispositivi che mostrano i punti persi sulla patente”

La Napoleona, principale accesso e uscita dalla valle, viene confusa da alcuni automobilisti e motociclisti con una pista di Formula 1 – nonostante gli incidenti relativamente recenti (anche mortali). Velocità registrate dalla polizia locale da inizio anno a fine luglio, posizionando più volte l’autovelox sulla Napoleona. Il record segna circa 112 chilometri orari contro il limite di 50. Sono state inflitte due multe per velocità di 108 chilometri orari, una per 105 e due per cento ripartite. Di 46 multe per autovelox, più della metà (pari a 27) ha registrato il superamento del valore limite di oltre 40 chilometri orari. Insomma, non si tratta di qualche chilometro in più rispetto ai 50 chilometri previsti per il centro cittadino, ma di circa il doppio.

Il comandante della polizia locale Vincenzo Aiello Chiarisce che “non mancano le situazioni di controllo, ma la cosa più importante che guidatori e motociclisti devono mettere in atto direttamente è la prudenza. Fondamentale perché si tratta di un controllo preventivo. Inoltre, la polizia locale non può effettuare controlli continui». Un appello, quello del comandante, a mettere in atto comportamenti di autotutela. Qualcosa ora si sta muovendo sul fronte della prevenzione dopo anni di ipotesi rimaste le stesse.

Lo dice il sindaco Alessandro Rapinesi, che è anche titolare delle delegazioni di Sicurezza e Polizia Locale. “Vogliamo agire su una piccola cosa che ci è venuta in mente – spiega il sindaco – e che sarà recepita nella prossima modifica di bilancio di settembre, soprattutto a livello economico, e che speriamo si realizzi entro tre o quattro mesi . Sto parlando dell’installazione di due rilevatori di velocità, che non penalizzano ma fanno capire quanti punti si perderebbero con i controlli. Controlli che ricordo sono ancora in corso”. Pannelli luminosi sempre attivi.

E aggiunge: «Ne metteremo uno in salita e uno in discesa. Prevediamo che vengano installati entro la fine dell’anno: tra un cambio di budget e l’altro ci vorranno dai tre ai quattro mesi per ottenere disponibilità finanziaria, approvvigionamento dei materiali e installazione».

Restando in tema di sanzioni, ma con il trasferimento nel Centro Storico, negli stessi sette mesi, da gennaio a fine luglio, le sanzioni per violazione delle regole di accesso e permanenza in ZTL sono quasi raddoppiate. Nel 2021 erano in totale 18.830, nello stesso periodo di quest’anno erano 30.204. Un aumento significativo delle violazioni di accesso alla ZTL, che però risente indubbiamente dell’effetto Covid, considerando che nel primo semestre del 2021 vi erano alcune restrizioni, tra cui le zone rosse, che di fatto hanno ridotto sensibilmente le possibilità di sfratto e di conseguenza commettere violazioni. In ogni caso, ciò significa circa 142 multe al giorno per la sola Ztl. Da notare che vengono controllate anche le uscite, ma solo per le attività commerciali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

.

Leave a Comment