close
close

Wanna Marchi e l’imperdonabilità di un talento che fa male – Corriere.it

fuori Maria Wolpe

L’ex conduttrice televisiva compie 80 anni: ha vissuto una vita spericolata, carcere compreso, e ha tradito migliaia di donne che si fidavano di lei. Ma c’è ancora tempo per riscattarsi

Naturalmente, Wanna Marchi non diventa mai noioso. Oggi, venerdì 2 settembre, compie 80 anni e non sembra pentirsene. Ha vissuto la sua vita al massimo, inclusa la prigione. Peccato che il talento non le manchi e se lo avesse usato meglio del tradimento avrebbe potuto puntare al vero successo. Sì, perché Wanna, la prima vera venditrice televisiva oltre che imbonitrice, ha iniziato a vendere prodotti misteriosi sul piccolo schermo con sua figlia per farti venire lo stomaco in men che non si dica (tre notti….nemmeno un miracolo avrebbe potuto fare così tanto ). Alghe disgustose, creme appiccicose, pillole repellenti: tutto molto costoso. Ma per perdere peso sai che donne e uomini impazziscono. Ma la follia può essere molto costosa. E così tante persone hanno cominciato a mettersi nei guai, a perdere soldi, a indebitarsi. E per denunciare una frode. Perché era una bella e bella truffa.

Ma non voglio pagare per le bugie dietetiche Grazie alla figlia Stefania Nobile iniziò anche le bugie esoteriche con il suo compagno avventuriero Mario Pacheco do Nascimento, brasiliano che nella sua vita fu chef e invece si presentò come “maestro della vita”, guru, esperto di arti magiche. E così il trio è arrivato a promettere felicità, chiamare numeri che avrebbero cambiato la vita delle persone, vendere sogni. E quando i sogni vengono venduti a persone fragili, malate, sole e povere, diventa un crimine atroce. Sì, certo che potremmo dire che tutti sono liberi, che nessuno ha puntato la pistola alla testa degli sventurati per fargli comprare intrugli senza cervello, e che, come dice Sgarbi, solo un cretino crederebbe al malocchio può. Detto questo, non pasticciare con le ferite dell’anima. E questa Wanna di Bologna, accomodante, simpatica, ex estetista, non avrebbe dovuto farlo.

Potrebbe portare gioia alle donne aiutali, rendili piacevoli senza imbrogliarli. Non ti perdoniamo. Nonostante il fatto che oggi abbia pagato il conto con giustizia. Viene rilasciata dal carcere e ha tutto il diritto di ricominciare da capo (ma non di imbrogliare). In ogni caso, non si è scoraggiata: il 21 settembre uscirà su Netflix “Wanna”, una serie di documentari in quattro parti che racconterà la sua storia. La storia di una donna che (parzialmente) ha ammesso i suoi errori e ha detto: Non abbiamo mai detto di essere innocenti. Abbiamo rubato la mela, ma siamo stati anche accusati di aver ucciso il contadino. Qualcuno uscito dal carcere ha avuto la brillante idea di annunciare la sua presenza nell’isola dei famosi, ma le polemiche sono state talmente numerose che Mediaset ha annullato la partecipazione della signora Marchi e della figlia. Ora arrivano. Vedremo cosa racconterà la serie Netfilix, ma sentiamo che le persone non hanno dimenticato il male che hanno fatto. Un male che va oltre la frode economica. Ha a che fare con il cuore delle persone. Volere, forza della natura, avrebbe davvero potuto usare il suo talento in modo diverso. Chissà, forse nei lunghi anni a venire potrà essere perdonata per il bene che le auguriamo.

2 settembre 2022 (modifica 2 settembre 2022 | 17:18)

Leave a Comment